Cibi Che Fanno Male ai Capelli? Ecco cosa devi Mangiare

Oggigiorno sentiamo spesso parlare di caduta dei capelli e alimentazione, e dunque siamo portati a chiederci se il nostro stile alimentare può risultare positivo o negativo per la nostra chioma.

Non è un argomento facile, dato che ci sono diverse teorie scientifiche in merito ai cibi per capelli che fanno male, o agli alimenti per rinforzare i capelli. In base ad alcuni studi recenti, e al parere di esperti medici come il dottor Piero Mozzi, è comunque emersa una importantissima considerazione: i cibi grassi, come nel caso dei latticini, possono effettivamente accelerare la caduta dei capelli.

Vediamo dunque di approfondire questo argomento.

Alimenti grassi e caduta dei capelli

Mozzi ha più volte sottolineato, durante le sue interviste, il ruolo negativo occupato dal latte e dai latticini per la salute della capigliatura. Secondo le teorie dello studioso, infatti, la caduta dei capelli non può essere considerata solo come un “regalo della genetica”, ma anche come il frutto dell’assunzione di alimenti molto grassi.

Si parla ad esempio del latte e dei suoi derivati, e la motivazione – spiegata da Piero Mozzi – è la seguente: questi cibi causano uno stato infiammatorio a livello intestinale, e una forma di intossicazione che causa una perdita di sali minerali, e una non corretta assimilazione o elaborazione delle vitamine e delle proteine ( qui uno studio su pubmed).

 

Siccome gli steli dei capelli sono un concentrato di sali minerali e di proteine, ecco che la suddetta infiammazione ne causa la caduta prematura. Il latte è alla base di questa situazione, anche se naturalmente deve essere presente una certa predisposizione genetica.

Anche i formaggi stagionati come il parmigiano concorrono alla perdita dei filamenti, e il primo segnale – oltre al diradamento – viene rappresentato da sintomi come ad esempio la colite. Possono fare eccezione, comunque, alcuni formaggi considerati non grassi, come nel caso di quelli derivati dal latte di capra e la ricotta. È chiaro che esistono anche altri cibi grassi che facilitano la perdita dei capelli: ad esempio il burro e il lardo, insieme allo strutto, alla panna e al mascarpone, alla maionese, alle fritture e al cibo spazzatura in generale.

Inoltre, sempre secondo il dottor Piero Mozzi, anche gli eccessi in termini di consumo di frutta possono causare la caduta dei capelli. Nella fattispecie, l’esperto ha chiamato in causa un’esperienza vissuta da un suo amico, che era solito consumare dalle tre alle quattro pesche al giorno. Pure i dolci e gli eccessi di zuccheri possono causare la calvizie, insieme ad una serie di problematiche alle unghie. Sempre secondo Mozzi, la causa anche in questo caso deriverebbe da un’infiammazione, stavolta localizzata nel fegato.

Cibi che fanno bene ai capelli

Abbiamo già chiarito che l’alimentazione svolge un ruolo molto importante per la salute della nostra capigliatura, e che gli alimenti grassi possono favorire la caduta dei capelli. Detto ciò, esistono anche dei cibi che fanno bene e che possono dunque migliorare lo stato di salute dei nostri filamenti.

Fra questi si trovano ad esempio i cibi contenenti acidi grassi polinsaturi Omega 3, per una serie di ragioni: innanzitutto stimolano il micro-circolo, e in secondo luogo migliorano la fase di sintesi di alcune proteine fondamentali, come ad esempio la cheratina. Inoltre, gli acidi Omega 3 aiutano a lottare contro i danni prodotti dai radicali liberi ai follicoli piliferi. Infine, consentono di rendere la chioma più lucente.

Quali sono gli altri alimenti per rinforzare i capelli? L’elenco è lungo, e include tutti i cibi che contengono le vitamine (come la A, la C e la B), insieme ad altri elementi come lo zinco, il ferro, il selenio e anche il calcio. Da questo punto di vista, la frutta secca si dimostra una delle migliori alleate per la nostra capigliatura, proprio per via del ricco contenuto di queste sostanze. Nel caso in cui non possiate o vogliate assumerla nel cibo potete sempre utilizzare qualche buon integratore anticaduta tra quelli che vi abbiamo segnalato.

Pure i semi di zucca fanno bene ai capelli, perché integrano delle buone quantità di Omega 6, ferro e zinco: queste specifiche sostanze, di fatto, permettono una migliore rigenerazione dei tessuti. Altri cibi per capelli molto positivi sono la verdura e le uova, queste ultime grande fonte di proteine e di vitamina B7. E anche di ferro, il cui ruolo è quello di potenziare l’ossigenazione dei follicoli, consentendo ai filamenti di crescere più robusti e in salute.

Volendo fare una lista precisa di alcuni dei migliori cibi per capelli, è possibile portare come esempio certi alimenti davvero formidabili. Ti basti pensare al salmone, ricco di Omega 3 e di vitamine, ma anche alle lenticchie e ai fagioli, preziosa miniera di biotina. Nell’elenco troviamo poi altri esempi virtuosi, come nel caso della già citata frutta secca e dei cereali integrali.

Non potremmo non citare, in questo nostro articolo, alimenti per rinforzare i capelli come le verdure a foglia scura e tutti i cibi contenenti betacarotene: ad esempio le carote, ma anche le patate dolci, la zucca, gli asparagi e i cavoli.

Prima di procedere oltre, intendiamo riportare altri cibi la cui azione consente di far del bene ai capelli. Cibi anche particolari, come nel caso dei funghi Shiitake, e altri più comuni come la cannella, l’avena e l’orzo. Pure i cetrioli e gli spinaci meritano una doverosa citazione, e lo stesso discorso vale per il prezzemolo, i frutti di mare, i semi di lino, il pollo e le ostriche. In conclusione, abbiamo dalla nostra parte una lunga serie di alimenti che ci possono aiutare a combattere la caduta dei capelli.

Una questione di nutrimento

Poc’anzi ti abbiamo accennato all’importanza del ruolo della cheratina, che poi rappresenta anche la proteina principale per la salute dei capelli, e di altre strutture come le unghie. Di cosa si tratta esattamente? La cheratina altro non è che una proteina di tipo filamentoso costruita da una serie di catene di aminoacidi, di vitamine e di oligoelementi.

Quando la produzione di questa proteina si indebolisce, per via di una dieta scorretta, ecco che il filamento del capello comincia ad assottigliarsi e a cedere. Di conseguenza, è sempre importante stare attenti a ciò che portiamo in tavola. Il segreto è assicurare al nostro organismo una produzione costante di “cheratina viva”: un obiettivo che è possibile raggiungere proprio attraverso una dieta sana ed equilibrata, a livello quotidiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *