Caduta-capelli-post-partum-cause-e-rimedi

Caduta capelli post-partum: cause e rimedi

Quando si parla di donne e di caduta dei capelli, si sa con matematica certezza che esistono dei momenti durante i quali si verifica una forma di calvizie legata alle variazioni ormonali.

Questo accade ad esempio successivamente alla gravidanza: è molto comune che, dopo circa 4 mesi dal parto, la donna durante l’allattamento registri una caduta dei capelli abbastanza massiccia, nota come alopecia o defluvium post-partum.

In questi casi è assolutamente normale preoccuparsi e chiedersi se sia una condizione naturale, o se la caduta dei capelli sia cronica e non reversibile. Ecco perché oggi vedremo di fare chiarezza su questi importanti interrogativi.

Cos’è il Defluvium Post-Partum?

Il defluvium post-partum, noto anche come alopecia dopo parto, è quella condizione che porta le donne a perdere i capelli dopo la gravidanza. La prima cosa da sottolineare, è che si tratta di una condizione del tutto naturale: il momento della gravidanza porta infatti diversi cambiamenti del corpo, compresa un’alterazione ormonale che può effettivamente portare all’aumento della perdita dei capelli, accelerando il loro ciclo di vita.

Va però specificato che esistono anche altre cause che concorrono alla caduta dei capelli dopo la gravidanza. Quali sono?

Quali sono le cause della caduta capelli dopo il parto?

La prima causa della caduta capelli post-partum, come già sottolineato, sono gli ormoni. Di fatto, durante la gravidanza il ciclo ormonale interviene allungando il ciclo di vita dei capelli e facendoli anche apparire più folti e in salute: dopo il parto, però, l’alterazione degli ormoni provoca l’effetto inverso, riducendo bruscamente il ciclo di vita dei capelli e portando dunque ad una caduta davvero massiccia.

In genere, dopo un anno dalla gravidanza, il ciclo di vita dei capelli torna a normalizzarsi: si tratta, dunque, di una caduta naturale e non cronica, destinata a svanire in pochi mesi. Ma anche la denutrizione può aumentare la caduta dei capelli nella donna dopo il parto: nello specifico, può accadere che dopo il parto le donne possano soffrire di alcune forme di inappetenza.

Quando ciò si verifica, il corpo registra un calo nutritivo di vitamine e di minerali, causando anche l’indebolimento e l’assottigliamento dei capelli, e aumentando di conseguenza le probabilità di caduta.

Quali sono i rimedi per la caduta capelli post-partum?

Generalmente non serve intervenire in modi particolari, quando si verifica la caduta dei capelli dopo il parto, dato che basta attendere pochi mesi per assistere alla normalizzazione del ciclo di vita del capello.

Eppure, alle volte, attendere non basta: nel caso la caduta dei capelli dovesse continuare e non arrestarsi da sola, è necessario rivolgersi ad un tricologo per investigare le cause della suddetta problematica. Nello specifico, esistono alcuni impacchi e maschere nutrienti naturali che possono aiutare a rinforzare il capello e a stimolare la ricrescita.

Se poi queste soluzioni vengono coadiuvate da trattamenti specifici, come ad esempio la laserterapia ed i massaggi, insieme ai trattamenti ad alta frequenza, ecco che salgono le chance di guarire dall’alopecia post-partum. Ad ogni modo, ognuna di queste soluzioni dev’essere sempre il frutto di una consulenza di un bravo tricologo (dermatologo), il quale molto probabilmente analizzerà le condizioni dei follicoli piliferi grazie ad una microcamera apposita e al tricogramma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *